Templi di Paestum, foto di Flavia Barca

Parliamo di cultura

FlaviaBarca.it nasce dal desiderio di raccogliere e seminare in uno spazio pubblico riflessioni, idee, spunti sul patrimonio culturale, sulla creatività ma anche su altri temi a me cari e di cui mi sono a lungo occupata, ad esempio quello del servizio pubblico radiotelevisivo, peraltro profondamente interconnesso con le strategie di politica culturale portate avanti in Italia.

Alcuni spunti provengono dalla mia esperienza di Assessore alla Cultura del Comune di Roma nel periodo 2013-2014, e riannodano fili di idee e progetti in molti casi ostacolati dall’intricato contesto in cui mi trovavo a operare, o interrotti dalle mie dimissioni anticipate.

Nonostante l’enorme difficoltà di amministrare la cosa pubblica nella capitale, e quindi la consapevolezza della complessità di rinnovare le politiche pubbliche sulla cultura, sono sempre più convinta della centralità di questo settore per lo sviluppo armonico del Paese e del ruolo chiave che il decisore pubblico può e deve giocare in questa direzione.

Ma come, con quale visione? E con quale metodo?

Definire al meglio percorso, finalità e strumenti è quindi oggi compito primario di chi opera nel campo della cultura e della creatività (come creativo, esperto, decisore, fruitore), perché l’individuazione delle criticità non è sufficiente ad identificare i rimedi. Il dibattito vero, quello in grado di portare idee e sostanza all’amministratore pubblico, di attaccarlo, pungolarlo e stimolarlo sulla base di pensieri forti, di strategie condivise, ancora langue.

Quindi, senza la pretesa di trovare la pietra filosofale, ma con la passione del ricercatore e la consapevolezza dell’importanza della scommessa di fare della cultura un motore di sviluppo ed inclusione sociale, mi auguro che questa nuova presenza online possa offrire un contributo alla riflessione collettiva. Mi auguro che diventi un luogo di idee e di dibattito (e in questo senso ospiterò volentieri anche contributi esterni), oltre che di intuizioni, desideri e sassi gettati nello stagno. Tra questi ultimi le foto, in molti casi mie e di nessun valore artistico, ma strumento utile a sintetizzare il pregio di un bene culturale o anche solo uno stato d’animo.

Nella convinzione che oggi la scelta politica di maggiore forza sia proprio quella di ricominciare a discutere di meriti e di metodi.

Con impegno, passione e onestà intellettuale.

Post precedente
Post successivo

Related News

Una risposta

Lascia un commento
  1. Nunzia Armento ( CRPO di Basilicata https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1134437509924402&id=360060190695475)
    apr 16, 2016 - 10:07

    Molto interessata alle tue analisi che sono da condividere e discutere x cercare ad esempio sulla parità e sulla storia delle donne, attraverso azioni sinergiche cercare di smuovere e cambiare dal basso una cultura che forse restituendo memoria collettiva alle nuove generazioni possa sperare di far avanzare una democrazia paritaria.
    Come organismo di parità della Regione Basilicata ci stiamo provando.
    Avrei piacere a poterci sentire: il mio cell. 339.2267087
    Dico grazie alla mia amica Gabriella Cims x avermi dato questa occasione di conoscenza, almeno al momento virtuale.
    Buona giornata ed a presto.

    Reply

Lascia un commento

L’indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati

© Flavia Barca - All rights reserved. Privacy policy.